Assisi 2020 – Raduno del Quarto Raggruppamento Alpini – 25, 26 e 27 settembre

Belluno 2021 – Raduno del Terzo Raggruppamento Alpini
24 maggio 2016
Asiago 2020 – Raduno del Terzo Raggruppamento Alpini – 11 e 12 luglio
27 maggio 2016

Assisi 2020 – Raduno del Quarto Raggruppamento Alpini – 25, 26 e 27 settembre

Nel corso della riunione dei Presidenti di Sezione del IV Raggruppamento tenutasi a Milano è stata accettata la proposta avanzata dalla Sezione di Firenze per ospitare il raduno di Raggruppamento del 2020 a Assisi.

Un riconoscimento al lavoro portato avanti in questi mesi dal Gruppo Alpini Umbria in collaborazione con le autorità comunali della cittadina Umbra, fortemente interessate ad ospitare gli Alpini .

Il raduno del 4º Raggruppamento dell’Associazione Nazionale Alpini comprende le sezioni del centro – sud e isole.

Il Raduno degli Alpini è in programma per i giorni del 25, 26 e 27 settembre 2020. Nel corso dei prossimi mesi verrà definito il programma.

La Città di Assisi intanto, per onorare l’impegno, sarà presente al “Passaggio della Stecca” con il gonfalone e una propria rappresentanza in occasione del Raduno del 4º Raggruppamento 2019, che si terrà appunto a Cosenza il 28 e 29 settembre 2019. Ogni anno il testimone passa dalla città che ha ospitato l’evento a quella che si accinge a farlo.

______________

Assisi

Assisi è un comune di 28 294 abitanti della provincia di Perugia in Umbria. È conosciuta per essere la città in cui nacquero, vissero e morirono san Francesco, patrono d’Italia, e santa Chiara.

La città di Assisi è situata sul versante nord-occidentale del monte Subasio, in posizione moderatamente rialzata rispetto alla Valle Umbra settentrionale, a circa 26 km a sudest di Perugia.

Le 10 cose da fare e vedere
durante una vacanza o un week-end ad Assisi

1 La Basilica di San Francesco ad Assisi

Erano passati solo due anni dalla morte di Francesco che Frate Elia, il suo successore, ricevette in dono un piccolo pezzo di terra sul Colle dell’Inferno dove fino a un po’ di tempo prima si impiccavano i condannati.

Francesco era morto nella Porziuncola, una piccola chiesetta, ma i suoi fratelli lo portarono subito a San Damiano e poi da lì alla Chiesetta di S. Giorgio, dentro le mura di Assisi e vicino alla casa paterna. In quella chiesetta il 16 luglio 1228 Gregorio IX proclamò santo il frate di Assisi la santità e il giorno dopo andò sul colle, insieme a Frate Elia, a posare la prima pietra della futura Basilica di San Francesco. Il 25 maggio 1230, meno di 4 anni dalla morte del Santo, la basilica era pronta. Vista da lontano sembra una roccaforte unica ma è in realtà composta da due chiese sovrapposte: la Basilica inferiore e quella superiore e una cripta con la tomba del Santo. Nelle due chiese è stata scritta la storia dell’arte italiana: ci hanno lavorato Cimabue, Giotto, i Lorenzetti, Simone Martini. Tra le tante opere sono da ricordare: il ciclo completo delle Storie di San Martino dipinto da Simone Martini; la Cappella della Maddalena da Giotto; nel transetto c’è un affresco di Cimabue e otto Storie dell’infanzia di Cristo dipinte da Giotto. Nella chiesa superiore, ci sono i famosissimi affreschi di Giotto che illustrano, in 28 quadri, la vita di San Francesco e altre opere di Cimabue. Nella Inferiore c’è la Cripta con i resti di San Francesco. Semplice, scavata nel muro e circolare come il Santo Sepolcro, c’è l’urna di pietra rinchiusa da sbarre in due griglie di ferro nella quale fu trovato il corpo del santo. Sopra la tomba brucia una lampada con l’olio offerto ogni anno da una regione italiana diversa.

2 La Basilica di Santa Maria degli Angeli in Porziuncola ad Assisi

A 4 km dal centro di Assisi si trova la seconda chiesa di Assisi legata a San Francesco: è la Basilica di Santa Maria degli Angeli in Porziuncola costruita per inglobare e quindi proteggere alcuni luoghi emblematici nella vita del Santo.

Prima di tutto la Porziuncola, la piccola chiesetta ospitata nella Basilica in cui San Francesco compose il Cantico delle Creature e morì il 3 ottobre 1226. La chiesetta prende il nome da “Portiuncula”, che letteralmente indica la piccola porzione di terreno su cui sorgeva. Questa chiesetta fu una delle prime tre ad essere restaurate dal Santo che ne fece il centro del Francescanesimo: qui ha la visione in cui Gesù gli conferisce l’Indulgenza conosciuta come “Indulgenza della Porziuncola” o “Perdono di Assisi”, approvata poi dal Papa Onorio III. Alla Porziuncola raduna ogni anno i suoi frati che vanno in giro per il mondo ad annunciare il Vangelo. Nella Basilica c’è anche il Transito, un vano in pietra in cui si trovava l’infermeria del convento, dove San Francesco passò gli ultimi giorni della sua vita e morì la sera del 3 ottobre 1226. Infine, un luogo simbolico pieno di fascino: il Roseto con le rose in cui San Francesco si rotola per combattere contro il dubbio e la tentazione. Secondo il racconto, le piante a contatto con il corpo del santo perdono le spine dando origine alla “Rosa Canina Assisiensis“, che ancora oggi continua a fiorire solo alla Porziuncola.

3 La Basilica di Santa Chiara ad Assisi

Non si può comprendere l’importanza della Basilica di Santa Chiara senza accennare al rapporto della santa di Assisi con San Francesco: affascinata dalla predicazione di San Francesco, a 18 anni fuggì dalla sua ricca famiglia per unirsi a Francesco e ai primi frati presso la chiesetta di santa Maria degli Angeli, già da allora chiamata Porziuncola.

Ben presto si trasferì nella chiesa di San Domenico dove raggiunta dalle sorelle Agnese e Beatrice e dalla madre, fondò l’Ordine delle Clarisse. Qui visse e morì dopo 42 anni. La chiesa di Santa Chiara fu costruita subito dopo la morte, proprio vicino all’antica chiesa di San Giorgio, che fino al 1230 aveva custodito le spoglie di san Francesco. Le spoglie della santa vennero traslate già nel 1260 ma la consacrazione ufficiale avvenne nel 1265. La Chiesetta è in stile gotico-umbro, con un interno a tre navate: dietro l’altare c’è l’Oratorio con il Crocifisso che parlò a San Francesco nell’Eremo di San Damiano e fu alla base della sua scelta di vita. Dietro una grata ci sono alcune importanti reliquie della santa e di San Francesco. Dalle scale, situate a metà Basilica, si accede anche alla Cripta con il corpo della Santa. Dietro ad una grata ci sono i resti mortali di S. Chiara conservati in un sarcofago in pietra del Subasio.

4 Il Tempio di Minerva ad Assisi

Quando nel 1786 Johann Wolfgang von Goethe arriva ad Assisi per il suo viaggio in Italia, resta incantato davanti alle colonne del Tempio della Minerva, il primo monumento dell‘antichità che avesse mai visto integro.

Non è difficile comprendere lo stupore del letterato tedesco: la facciata è perfettamente conservata, con le sei colonne che poggiano direttamente sulla scalinata sormontate da un capitello in stile corinzio. Si ritiene che il tempio, costruito nel I secolo a.C, fosse dedicato ad Ercole anche se prende il nome dal ritrovamento di una statua di donna. Dopo essere stata usata come carcere, abitazioni, botteghe, sede del consiglio cittadino, nel Medioevo il tempio viene trasformato in chiesa con il nome di Santa Maria sopra Minerva. Nel 1634 fu riadattata in forme barocche e dedicata a S. Filippo Neri.

5 Palazzo del Capitano del Popolo, Palazzo dei Priori e Torre del Popolo ad Assisi

Piazza del Comune è la principale piazza di Assisi e una delle più belle d’Italia. Costruita nel luogo del Foro romano, altre che dal Tempio di Minerva (vedi punto 4) è abbellita dalla Torre del Popolo e dal Palazzo dei Priori.

La Torre fu costruita a partire dal 1276 per ospitare la famiglia del Capitano del Popolo. Davanti la torre si può ancora ammirare una lapide in pietra rossa del Subasio, con le misure di riferimento dei prodotti tipici della Assisi medievale: mattoni, pianelle, quadrelli e coppi. Lo Statuto comunale del 1469 prescriveva l’uso di questi modelli per chiunque fosse impegnato nelle professioni artigiane e commerciali. Di fronte alla Fontana dei tre leoni c’è il Palazzo dei Priori, oggi sede del Municipio. Sotto l’attuale piazza è visitabile l’antico Foro Romano (accesso da via Portica, ex Chiesa di San Nicolò): si possono ammirare i basamenti del tempio, i seggi dei magistrati e un tempietto dedicato a Castore e Polluce.

6 Duomo di San Rufino ad Assisi

Contariamente a quello che si potrebbe pensare, il principale luogo ecclesiastio di Assisi non è la Basilica di San Francesco ma il Duomo di San Rufino.

La chiesa è la più antica di Assisi e si ritiene sorga nello spazio dove c’era l’antico Foro Romano e nello stesso luogo in cui esisteva un tempio dedicato alla Bona Mater (o Cerere dea delle messi). Costruito nel XII secolo fu dedicato a San Rufino vescovo e martire del III secolo. In realtà, il Duomo è un’importante luogo di culto francescano perché si ritiene che qui furono battezzati San Francesco e Santa Chiara. In questa chiesa, inoltre, San Francesco fece la sua prima predicazione. La facciata è considerata il più bell’esempio di gotico-umbro, austera, con tre rosoni e tre portali. La lunetta ospita il Cristo in trono tra il sole e la luna, la Madonna che allatta a sinistra e San Rufino a destra.

7 Palazzo Vallemani e Pinacoteca Comunale di Assisi

Palazzo Vallemani è il più bel palazzo di Assisi: si trova a pochi minuti da piazza del Comune, in Via San Francesco.

Il piano nobile è completamente affrescato da pittori umbri e toscani del 1600 ed ospita la Pinacoteca Comunale con affreschi di epoca medioevale e rinascimentale provenienti da edifici civili e religiosi di Assisi e dintorni. La collezione si formò subito dopo l’Unità d’Italia per evitare la dispersione delle opere che fino a quel momento erano appartenute alle congregazioni religiose. I pezzi più importanti della raccolta sono una Maestà attribuita a Giotto e alcuni dipinti del Perugino. Nelle sale al primo piano è allestito il “Museo della memoria, Assisi 1943-1944”, una mostra sui 300 ebrei salvati dallo sterminio nazista grazie all’accoglienza di Assisi.

8 La Rocca Maggiore di Assisi

Se avete un po’ di tempo in più da passare ad Assisi è una buona idea arrampicarsi fino alla Rocca Maggiore di Assisi.

Da più di 800 anni il bastione domina la cittadina di San Francesco e la campagna circostante. La prima costruzione risale al 1183, voluta da Federico Barbarossa. Vi soggiornò anche suo nipote Federico II d Svevia che fu cacciato quando aveva solo 4 anni in seguito al passaggio di Assisi alla parte guelfa di Papa Innocenzo III. Distrutta dalla popolazione in rivolta, la Rocca fu ricostruita dal Cardinale d’Albornoz nel 1365 e faceva parte della rete di castelli costruiti per difendere lo Stato Pontificio. Fu poi ampliata e modificata da Biordo Michelotti (1395-98), dal Piccinino (1458), da Pio II (1460), da Sisto IV (1478), da Paolo III (1535). Abbandonata nel 1600, è arrivata quasi intatta fino a noi. Oggi offre una passeggiata suggestiva tra mura secolari e una magnifica vista su Assisi e i dintorni.

9 Cosa mangiare ad Assisi

Siamo in Umbria quindi c’è da aspettarsi una cucina genuina, di sostanza, con prodotti del territorio serviti in modo tradizionale. Di solito apre il pasto un tagliere con Umbricelli, miele, bruschette con l’eccezionale olio locale (DOP Assisi) e il tartufo.

Tra i primi sono protagonisti gli stringozzi e gli umbrichelli, tipi di pasta fatta a mano molto doppia che si accompagna a sughi di maiale o cacciagione (lepre, cervo). Siamo in piena zona del Farro, che quindi soprattutto d’inverno è protagonista delle zuppe. Tra i secondi l’eccellente carne locale, il pecorino di Assisi. Assisi ha un dolce tipico, la Rocciata, una specie di strudel fatto con mele. Per i vini, basta solo ricordare che la zona di Assisi ha 5 DOC: Grechetto, bianco, rosato, novello, rosso.

10 Dove dormire ad Assisi

In alcuni periodi dell’anno Assisi vive un vero assalto di turisti che sbarcano dagli autobus, visitano velocemente la cittadina umbra e poi scappano via. Fanno molta confusione ma non occupano camere che quindi sono ampiamente disponibili negli hotel del centro storico e negli agriturismi nei dintorni.

Info turistiche tratte da www.10cose.it/assisi/cosa-vedere-assisi

It's only fair to share...Share on FacebookTweet about this on TwitterEmail this to someone